In Italia gelo e freddo: come riscaldare casa economicamente anche senza termosifoni

L’inverno 2021-2022 passerà alla storia come uno dei più rigidi in Italia. Nessuna novità, considerando che già da diverse settimane le famiglie italiane hanno imparato a fare i conti con un freddo che raramente si era visto prima dalle nostre parti.

Il peggio non è comunque alle spalle, perché sono previste altre ondate di gelo che avvolgeranno molte regioni della Penisola, anche al Sud. Tutta colpa degli impulsi generati dall’alta pressione proveniente dalle Azzorre. Esistono comunque alcuni modi per riscaldare la propria casa risparmiando, anche quando si è senza termosifoni.

Come riscaldare casa risparmiando

Il primo consiglio è di fare attenzione agli orari di accensione, studiando le zone climatiche e organizzandosi per mantenere il calore in casa anche quando il riscaldamento è spento. Il secondo suggerimento riguarda il check degli impianti. Si tratta di un passaggio fondamentale per la sicurezza personale e per la salvaguardia dell’ambiente.

In questi casi, prima di muovere i primi passi, è consigliabile seguire alcuni approfondimenti scritti dagli esperti di questi impianti, come ad esempio l’approfondimento sulla manutenzione della caldaia di VIVI energia. Se regolata correttamente, l’installazione consumerà meno e garantirà un’efficacia migliore con un basso impatto sull’ambiente.

Sempre a proposito di riscaldamento, è opportuno tenere sotto controllo la temperatura degli ambienti domestici, evitando di superare i 20 gradi, per scongiurare autentici salassi in bolletta e consumi eccessivi di gas.

Anche i pannelli riflettenti sono una soluzione low budget ma molto efficace: basta posizionarli dietro ai caloriferi per riflettere il calore e per ottimizzare al massimo l’utilizzo della caldaia. Inoltre, i pannelli riflettenti aumentano anche il grado di isolamento della parete posta dietro il termosifone. È opportuno schermare le finestre nelle ore notturne, e liberare i termosifoni da qualsiasi ostacolo, come nel caso degli stendibiancheria o dei panni lasciati ad asciugare sopra al calorifero.

Come riscaldare casa senza termosifoni

È possibile scaldare casa senza i termosifoni, e senza per questo spendere un patrimonio in luce elettrica? Il primo consiglio è di evitare le classiche stufette portatili, soprattutto se di vecchia generazione, perché consumano tantissima elettricità.

Al contrario, le stufe a pellet sono una soluzione interessantissima, sia per la loro capacità di riscaldamento degli ambienti, sia per la bellezza del loro design. Per capire la convenienza delle stufe a pellet, basti pensare al risparmio annuo, che in certi casi può anche arrivare a 1.000 euro. Fra le altre opzioni da tenere in considerazione troviamo i quadri riscaldanti a parete, ancora una volta utili sia per una questione estetica, sia per riscaldare la casa spendendo poco.

Uno dei maggiori vantaggi è il consumo ridotto di energia elettrica, cosa che li rende perfetti per chi desidera risparmiare molti soldi. Anche le pavimentazioni riscaldate entrano di diritto in questa lista, pur avendo comunque dei costi superiori alle opzioni viste poco sopra, anche per via dell’installazione. In altre parole, in assenza di termosifoni, la casa può essere riscaldata comunque.

Basta scegliere fra le idee elencate finora, che si adattano a meraviglia anche al design degli interni.