Come individuare la carrozzina più adatta alle proprie esigenze

Nonostante quello che potrebbero pensare in tanti, in realtà quando si deve fare una scelta tra le varie tipologie di carrozzine che si possono trovare in commercio, non sempre decidere è così semplice e immediato. Anzi, nella maggior parte dei casi, tutto questo comporta un lungo approfondimento.

In effetti, è fondamentale mettere in evidenza come la scelta della carrozzina dipende prima di tutto dalle preferenze e dalle necessità di ogni singola persona. Ecco spiegato il motivo per cui ci si deve orientare tra una serie di fattori di carattere decisamente personale: in primis, l’adattamento alla persona che dovrà sfruttarla nella vita di tutti giorni, l’uso che se ne deve fare e l’ambiente circostante.

Le varie tipologie di carrozzine

Sia malattie che altre problematiche possono portare di frequente tante persone a dover cominciare a usare delle carrozzine. Proprio per questa ragione, in commercio c’è la possibilità di trovare un gran numero di modelli, tenendo conto di come siano sempre più diffuse anche delle particolari carrozzine superleggere. Se l’offerta è tanto ampia, non è altrettanto agevole effettuare una scelta, dal momento che si dovrà sempre valutare l’acquisto in base alle proprie esigenze e preferenze.

Carrozzine elettriche e manuali

La prima distinzione che conviene fare è quella tra le carrozzine elettriche e quelle manuali: nella maggior parte dei casi, quindi, la decisione verrà presa in base al livello di autonomia del paziente che dovrà usare questo ausilio.

Le carrozzine elettriche vengono, di solito, sfruttate da parte di quelle persone che non sono in grado di garantirsi autonomamente la spinta per muoversi, sia perché non hanno sufficiente forza negli arti superiori, sia perché non sono in grado di tollerare uno sforzo del genere. Come si può facilmente intuire, sul mercato c’è la possibilità di trovare un’ampia e variegata gamma di carrozzine elettriche, tra cui quelle per interni, quelle decisamente compatte ed estremamente pratiche, fino ad arrivare a modelli maggiormente robusti ed equipaggiati.

Un altro fattore che va a condizionare la scelta della carrozzina più adatta per le proprie esigenze è sicuramente il livello di autonomia, che incide pure sulla decisione circa la carrozzina manuale. I modelli ad autospinta, infatti, possono contare sulla presenza di ruote posteriori di maggiori dimensioni e sono state realizzate appositamente per tutte quelle persone che possono vantare un sufficiente livello di indipendenza. Ci sono anche ovviamente i modelli di carrozzine manuali da transito (ovvero che non si possono autospingere), sono decisamente meno ingombranti e più strette, senza dimenticare come presentino delle ruote posteriori di dimensioni decisamente contenute, per consentire che della spinta possa occuparsene un’altra persona.

Materiali e telaio

Un altro aspetto che può fare la differenza in fase di scelta è rappresentato dal materiale con cui è stata realizzata la carrozzina. Le carrozzine manuali, nella maggior parte dei casi, vengono creato con tre materiali differenti. Si tratta prima di tutto dell’acciaio, che viene utilizzato per lo sviluppo delle carrozzine decisamente pesanti. Poi troviamo l’alluminio, con cui vengono create delle carrozzine leggere o superleggere, mentre il titanio viene impiegato per lo sviluppo di modelli caratterizzati da un peso estremamente limitato.

Infine, tra i fattori decisivi in fase di scelta, troviamo senz’altro il telaio, che può essere rigido piuttosto che pieghevole. La struttura che caratterizza le carrozzine che presentano un telaio rigido è chiaramente molto più leggera, dal momento che non ci sono numerose giunzioni piuttosto che cerniere. Discorso diverso, invece, per le carrozzine pieghevoli, visto che sono molto più semplici da trasportare. D’altro canto, però, la possibilità di sfruttare l’energia legata all’autospinta è notevolmente più limitata ed è un altro aspetto che inevitabilmente si deve tenere in considerazione in fase di scelta.