Come migliorare la SEO di un sito tramite un’ottimizzazione on-site

La SEO on-site, detta anche SEO on-page, è un’attività incentrata sull’ottimizzazione degli elementi di un sito web con lo scopo di collocarlo più in alto nei risultati dei motori di ricerca e di ottenere sia più visibilità sia più traffico pertinente proveniente dagli stessi. A tal proposito, ed anche come ci spiega il consulente SEO Gabriele Rispoli, l’ottimizzazione SEO on-site è un’attività necessaria per rendere migliore in modo evidente e a livello qualitativo l’indicizzazione, il posizionamento e la scansionabilità di un sito web nei diversi motori di ricerca disponibili in rete. Restando in argomento di perfezionamento SEO on-page, nei prossimi paragrafi ti viene offerta la possibilità di scoprire come migliorare la SEO di un sito tramite un’ottimizzazione on-site.

Come si fa ad utilizzare l’ottimizzazione on-site per migliorare la SEO di un sito web?

La SEO on-site, in particolare, riguarda l’ottimizzazione del contenuto testuale e grafico nonché del linguaggio HTML delle pagine web per favorire sia i motori di ricerca nell’interpretazione dei contenuti sia gli utenti nella comprensione di quali temi siano presenti nei siti Internet e se tali argomenti rispondano alle loro domande di ricerca.

In sintesi, l’ottimizzazione on-site aiuta i motori di ricerca e gli utenti online a capire di cosa tratta una certa pagina web, se sia pertinente a una o più query di ricerca tramite parola chiave o un insieme di termini chiave e se sia valida per l’esperienza utente ed anche meritevole di un buon posizionamento nella SERP.

Fra le ultime novità, la SEO on-page oggigiorno prende in maggior considerazione la rilevanza del contenuto per soddisfare l’intento dell’utente che c’è dietro la sua domanda di ricerca (secondo l’uso della parola chiave nella pagina web e nel codice HTML).

Mentre in passato non solo contavano di più la ripetizione e il posizionamento dei termini chiave ma l’esperienza utente era secondaria. Nello specifico, devi utilizzare l’ottimizzazione on-site per scoprire chi sono davvero i tuoi utenti e che cosa cercano così da creare dei contenuti appropriati per accontentarli. Al riguardo, tali contenuti devono essere approfonditi, ben organizzati per semplificarne la lettura, la navigazione e l’utilizzo, originali, influenti e attendibili su un certo tema e in linea con l’obiettivo di ricerca dell’utente.

Inoltre, i contenuti devono essere aggiornati con la giusta frequenza per fungere da punto di riferimento per chi vuole restare sempre al passo con i tempi.

Oltre alla qualità dei contenuti e all’impiego ad hoc delle parole chiave esistono altri elementi utili per favorire l’esperienza utente che influenzano l’ottimizzazione on-site per migliorare la SEO di un sito web. Ad esempio, sono elementi importanti della SEO on-site: il tag del titolo, la compatibilità mobile, il numero e il tipo di link utilizzati e il loro scopo, la qualità della grafica, la velocità di caricamento della pagina e la struttura del suo URL, la presenza di dati strutturati e di metadati nonché il testo alternativo dell’immagine.

In definitiva, se una pagina si distingue per un’usabilità ideale sia a livello tecnologico sia a livello umanistico significa che la sua ottimizzazione on-site è all’avanguardia per migliorare la SEO di un sito web.

Quali sono i vantaggi dell’ottimizzazione on-page per perfezionare la SEO di un sito Internet?

I principali vantaggi dell’ottimizzazione on-site sono i seguenti:

  • Semplificazione della gestione degli algoritmi e degli aggiornamenti di Google.
  • Classifica più alta nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).
  • Aumento del traffico organico.
  • Valore della pagina web stabile e a lungo termine.
  • Avanzata rapidità di scansione effettuata dai bot dei motori di ricerca.
  • Incremento del tasso di conversione con possibile aumento dei guadagni.
  • Copertura locale perfezionata.
  • Percentuale dei clic (CTR) migliorata.
  • Maggior velocità del sito Internet, ossia del tempo di caricamento delle sue pagine.
  • Miglioramento della consapevolezza del valore distintivo e qualitativo di un brand da parte dei consumatori (brand awareness).
  • Aumento della competitività del sito web sui concorrenti.
  • Esperienza utente più soddisfacente.