Cambiare operatore, quali sono i principali problemi da evitare

Spesso e volentieri, un gran numero di persone, negli ultimi tempi, sta cercando offerte più convenienti per cambiare operatore di telefonia mobile. In effetti, l’obiettivo è sempre quello, ovvero poter disporre di un servizio che sia qualitativamente affidabile, ma al contempo che non sia nemmeno troppo costoso.

Ecco spiegata la ragione per cui, nel corso degli ultimi anni, c’è un operatore che sta continuano a fare breccia tra gli utenti. Stiamo parlando, come si può facilmente intuire, di Iliad, un operatore di telefonia mobile francese che, da qualche anno a questa parte ha raccolto un successo clamoroso, soprattutto per via del fatto di proporre una tariffa sempre più conveniente ed economica rispetto ai principali competitor.

Quindi, su tariffe.it c’è la possibilità di capire come fare il passaggio da Vodafone a Iliad in modo semplice e sicuro, scongiurando anche il rischio di dover cambiare il proprio numero di telefono. Insomma, si possono ottenere condizioni più favorevoli, anche se è necessario prestare attenzione, perché il servizio che viene garantito e che si deve richiedere deve essere sempre di alta qualità. Insomma, uno dei migliori consigli da seguire in questi casi è senz’altro quello di non scendere a compromessi in merito alla qualità del servizio, altrimenti poi si avrà a che fare con problematiche continue sotto ogni aspetto.

Cosa bisogna valutare prima del cambio di gestore

Nel momento in cui si prende la decisione di effettuare il passaggio a un altro operatore, poco importi che sia di telefonia mobile o fissa dato che si tratta di un consiglio che vale sempre, non c’è da valutare solamente il costo effettivo dell’offerta.

Nel moneto del web, infatti, è fondamentale controllare a fondo tutte le principali caratteristiche del piano proposto dal nuovo operatore. Insomma, è necessario dare uno sguardo approfondito all’offerta in tutta la sua interezza, per capire se, con il passare del tempo, continuerà a essere vantaggiosa o meno. Giusto per fare un esempio, ci sono numerose offerte che sono effettivamente convenienti nei primi mesi, salvo poi aumentare in maniera considerevole dopo un periodo di tempo prestabilito, vanificando sostanzialmente la convenienza iniziale.

Valutare il piano telefonico offerto

Un altro suggerimento che può tornare decisamente utile è quello che riguarda la valutazione delle tariffe proposte in base alle proprie effettive necessità. Non solo, visto che come abbiamo detto in precedenza, serve valutare una proposta nella sua interezza.

Ad esempio, nel caso in cui si dovessero verificare dei problemi o dei malfunzionamenti con il nuovo operatore, potenzialmente parlando, esiste un valido servizio di assistenza che dà supporto agli utenti in questi casi? Anche questo è un aspetto che non si può e non si deve affatto sottovalutare.

Un altro aspetto molto importante da valutare riguarda il fatto di poter mantenere il proprio attuale numero di telefono. Se così non fosse, bisogna capire che probabilmente quella scelta non sia così conveniente come potrebbe sembrare, anche solo per una questione pratica e di organizzazione, visto che si dovrà poi comunicare a tutti i contatti della propria rubrica il cambio di numero di cellulare, con evidenti problematiche e conseguenza negative che una tale situazione porta inevitabilmente con sé.

Gli strumenti a tutela dei consumatori

I consumatori hanno chiaramente la possibilità di sfruttare vari strumenti di tutela, come prevista anche da parte del codice del consumo. Non solo, visto che anche l’attuazione della direttiva 2011/83/UE ha portato diverse innovazioni importanti in merito alla protezione dei diritti dei consumatori. Nello specifico, sono stati fatti passi in avanti notevoli in merito all’obbligo di informativa precontrattuale, all’obbligo della forma scritta, al diritto al ripensamento e all’opportunità di restituire il prodotto acquistato.