Ponte Navetta: dubbi e preoccupazioni all’indomani dall’apertura

Il Sindaco, Federico Pizzarotti, e l’Assessore ai Lavori Pubblici, Michele Alinovi, stanno facendo le dovute pressioni per vedere in tempo la riapertura del ponte della Navetta. Esigenza questa che nasce a sei anni dall’alluvione del torrente Baganza, e ad oltre un anno dalla posa dell’impalcato del ponte stesso.

Scritte alle autorità competenti

Per questo motivo l’amministrazione si sta muivendo con tanto di lettere alle autorità competenti. Per conoscenza è stato interpellato anche il presidente della regione, nonché la Ministra delle Infrastrutture, Paola De Michele.  Questa non è una polemica ma un semplice modo di fare l’interesse della città.

Le parole di Alinovi

Alinovi h spiegato che il loro scopo è quello di chiedere al Provveditorato alle Opere Pubbliche di Bologna, le dovute spiegazioni per realizzare un passo in avanti in favore dei parmensi.

Occorre infatti che il ponte, possa essere riaperto. Sono perdonabili i ritardi accumulati, ma oggi la situazione non si può più sostenere in questo modo. È una questione di correttezza verso i parmensi, che da tempo reclamano l’inaugurazione e noi con loro. Ad oggi non si capisce come mai questa opera, a un anno dal varo, sia ancora chiusa. Quindi niente polemica, la sola speranza è di migliorare il servizio delle infrastrutture parmensi.