Torino, ecco cinque luoghi poco conosciuti tutti da scoprire

Siamo talmente abituati a seguire degli itinerari già prefissati e stabiliti che, spesso e volentieri, soprattutto quando si visitano tante città importanti, si va alla scoperta delle attrazioni principali, ma si rischia di perdere di vista diversi luoghi poco famosi, ma che permettono davvero di scoprire la vera storia della città.

Anche a Torino, ad esempio, ci sono un sacco di attrazioni turistiche: non solamente chiese, ma pure tanti musei e gallerie, così come un gran numero di monumenti. Alzi la mano chi non ha mai visitato il Museo Egizio, piuttosto che la Chiesa della Gran Madre oppure la Chiesa della Consolata, senza dimenticare Piazza Vittorio e Piazza San Carlo.

Capita che chi viaggia spesso per lavoro e si debba fermare solo per pochi giorni nel capoluogo piemontese, abbia semplicemente voglia di scoprire qualche servizio di intrattenimento. Ad esempio, può risultare interessante dare un’occhiata ai migliori servizi escort Torino tra tutti quelli che vengono proposti sul web. Proprio online c’è la possibilità di concordare un appuntamento senza alcun problema e in modo notevolmente facile e rapido. Dopo aver dato un’occhiata a tutte le varie inserzioni che si possono trovare su questa piattaforma, sarà davvero semplice individuare il tipo di intrattenimento che riesce a soddisfare nel migliore dei modi le proprie necessità.

La Cappella dei Banchieri e dei Mercanti

Si tratta di un vero e proprio gioiellino legato allo stile barocco, che si trova in una zona un po’ nascosta, ma comunque nel bel mezzo del capoluogo piemontese, proprio vicinissima rispetto a Piazza Castello. Si tratta di una chiesa che venne realizzata addirittura verso la fine del Seicento, su impulso e spinta della Congregazione dei Banchieri, dei Negozianti e dei Mercanti. All’interno di questa meravigliosa Cappella, c’è la possibilità di rimanere decisamente affascinati dalla presenza di 12 spettacolari affreschi legati al ‘700 e che vertono soprattutto sul tema dell’Epifania.

Il Parco della Tesoreria e Villa Sartirana

Villa Sartirana è particolarmente nota anche con la denominazione di Villa Tesoreria. Il motivo? Semplice, si tratta di una struttura veramente imponente, che è stata realizzata da parte di un potentissimo tesoriere, nonché consigliere dello Stato Sabaudo, ovvero Aymo Ferrero di Cocconato.

Si tratta di una meravigliosa villa che è stata realizzata seguendo solo ed esclusivamente lo stile barocco. Tutt’intorno, c’è la possibilità di ammirare uno spettacolare parco, che è stato ribattezzato da parte dei torinesi “Giardin del Diav”, ovvero Giardino Del Diavolo. Secondo le leggende, tra l’altro, pare che proprio quest’ultimo faccia la sua comparsa all’interno del parco, sotto forma di un cavaliere nero, per poi svanire immediatamente.

Palazzo Barolo

Nel bel mezzo del capoluogo piemontese, in pochi conoscono Palazzo Nobiliare, ma la sua imponenza riesce davvero a lasciare tutti senza parole. Una dimora nobiliare realizzata tipicamente in stile barocco, che spicca in tutta la città.

Tra le principali caratteristiche di Palazzo Barolo troviamo sicuramente il fatto di avere una facciata veramente pazzesca, ma non è finita qui. Da ammirare anche lo stupendo scalone a forbice, con un atrio davvero meraviglioso e degli interni che possono contare sulla presenza di decorazioni di tipo rococò. Gli appartamenti storici che sono presenti all’interno di questo stabile rappresentano uno dei gioielli dell’età barocca per Torino.