Alberi malati da abbattere: l’amministrazione dice si

Terna, che gestisce la rete elettrica nazionale, ha stretto una collaborazione non di poco conto con l’Assessorato parmense al Verde pubblico. Da questa intesa saranno abbattuti tre alberi che interferiscono con i tralicci dell’alta tensione che verranno abbattuti, perché malati.

Cosa sancisce l’intesa tra Terna e Parma?

Onde evitare che si metta a repentaglio la sicurezza di esercizio delle linee elettriche e affinché si possano prevenire rischi d’incendio, l’Assessore Alinovi e Terna, hanno optato per porre in essere la normale potatura delle alberature. Di contro sarà d’obbligo l’abbattimento di sole tre piante malate: due albizie secche in via De Chirico e un tiglio in via Calatafimi, scongiurando l’eventualità di dover abbattere un maggior numero di piante.

Cosa nasce da questa collaborazione

Le potature verranno poste in essere senza mancare di rispetto alle buone pratiche dell’arboricoltura.

Questo è possibile solo grazie al dialogo e al confronto avviato. Le due parti non hanno mancato di mostrare la sensibilità necessaria in talune circostanze. Ora dunque Parma si impegna a promuovere la sostenibilità ambientale, a partire dalla tutela per passare poi al potenziamento del verde pubblico. In questo senso quindi pare che il gemellaggio tra i due, ovvero Comune e Terna, continuerà anche dopo per una migliore gestione delle alberature in prossimità delle linee elettriche.