Donazione di 100 mila euro da ditta farmaceutica parmense

Affrontare le emergenze richiede sempre una ingente somma economica da investire. E quella del coronavirus è una situazione che necessita di fondi. Proprio basandosi su questa esigenza, una ditta farmaceutica parmense ha deciso di donare un bel gruzzoletto ad un presidio ospedaliero.

La donazione della Bormioli Pharma

Stavolta la buona samaritana è la Bormioli Pharma, società leader nel mondo per la nella produzione di packaging ad uso farmaceutico. L’azienda ha deciso di favorire il reparto Terapia Intensiva dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma donando una somma pari a circa centomila euro.

Il presidio ospedaliero appartenente all’ateneo parmense potrà disporre di questa somma di denaro donata per fare fronte all’emergenza coronavirus dislocata sul territorio.

Potranno in questo modo dunque essere acquistati i beni sanitari consumabili, tra cui, in particolare dispositivi di protezione individuale, camici e così via. Verranno messe a nuovo anche le risorse inerenti a macchinari e attrezzature sanitarie come respiratori e nuovi letti attrezzati.

Una donazione che non pesa sul bilancio

La Bormioli Pharma ha sede a Parma ed è dotata di un impianto di produzione che realizza packaging farmaceutico in plastica a Castelguelfo.

Secondo i dati statistici solo nel 2019 ha realizzato circa 6,5 miliardi di pezzi in plastica e vetro, raggiungendo degli incassi pari a 250 milioni di euro. Ha ben sette stabilimenti dislocati tra Italia, Francia e Germania e conta più di 1.200 dipendenti.