L’Ospedale Maggiore di Parma prende un nuovo aspetto

L’Ospedale Maggiore di Parma è stato messo a nuovo. Quelli che un tempo erano i Poliambulatori sono stati ristrutturati. La spesa complessiva tenuta dall’azienda Ospedaliero Universitaria è stata di 600 mila euro. Un costo che permesso di vedere realizzata una cittadella dell’accoglienza al servizio di cittadini e pazienti.

Le novità

Nei locali d’ora in poi lavoreranno anche le associazioni di volontariato che già sinoccpano di coadiuvare il personale delle strutture ospedaliere. Tra queste ricordiamo Giocamico, Adisco, Admo, Aido, Ail, La doppia elica, Lilt, Unione Italiana Mutilati della Voce. Di tanto in tanto ci sarà anche la partecipazione dell’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili.

L’iniziativa mette a frutto uno dei tanti spazi urbani disponibili, così come ha spiegato anche il direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Massimo Fabi al taglio del nastro della palazzina.

Uno sportello per la comunità

Oltre a rinnovare il Centro prelievi più moderno e funzionale è stato aggiunto sia un Punto unico di dimissioni che un Punto unico di Pre-ricovero, nonché il trasferimento del Servizio cartelle cliniche.

È stato poi introdotto un nuovo servizio, il punto di comunità Parma.com. Si tratta di uno sportello in cui ci sono volontari che mettono a disposizione un supporto e un orientamento alle persone o ai pazienti dimessi su cui gravano delle difficoltà fisiche o sociali.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *