Come imparare a ballare il liscio

Il ballo per molti è una passione, per altri un modo di esprimere se stessi o per altri ancora un modo allegro di tenersi in forma. Ogni anno migliaia di persone decidono di iscriversi ad un corso di ballo e spesso e volentieri i corsi più richiesti sono quelli di ballo liscio. Molte persone scelgono la scuola di ballo liscio perché offre una varietà numerosa di balli da poter scegliere.

ORIGINI DEL BALLO LISCIO

Il ballo liscio è un ballo di coppia nato in Emilia-Romagna tra il XIX e XX secolo. Il suo nome lo deve al modo particolare di ballare, cioè strisciare i piedi a terra. Il fondatore del genere fu Carlo Brighi, detto anche Zaclén.

All’interno del grande gruppo del ballo liscio ci sono tre diverse tipologie di ballo: Mazurca, Valzer e Polka.

Su internet si trovano molte guide e video che ti spiegano i passi base di questo ballo, ma è sempre meglio iscriversi a qualche corso di ballo, sicuramente avrete risultati più efficaci. Ma siamo sicuri che anche con questa nostra mini-guida riuscirete ad imparare i passi base per potervi divertire con il vostro partner.

LE BASI PER UN PRINCIPIANTE

Per poter arrivare preparato ad un corso di ballo devi aver chiaro e aver imparato queste nozioni base:

  • Per prima cosa bisogna avere e conquistare con l’esercizio un buon portamento e avere orecchio per il ritmo da seguire
  • I passi base del tango e della mazurka sono indispensabili per iniziare, se sai fare questo sei avvantaggiato per gli altri tipi di ballo liscio
  • Conoscere la camminata, i quarti di giro, il giro al rovescio, il giro naturale e il cambio chiuso sono quei passi che ti permetteranno di ballare praticamente tutto

LE PRESE: DAMA E CAVALIERE

Una volta imparati i passi base passiamo alla figura principale: la presa.

  • La presa del cavaliere: l’uomo è a piedi uniti e il braccio sinistro con il gomito piegato e ben fermo tiene la mano della dama in modo comodo e disinvolto. Il braccio destro avvolge in maniera delicata la schiena della dama e la mano destra poggia poco sotto la scapola sinistra della dama, senza stringere.

La testa deve stare sempre dritta con lo sguardo sopra la spalla destra della dama.

Il cavaliere non deve stare esattamente di fronte alla dama, ma tenerla leggermente verso il suo lato destro.

  • La presa della dama: questo dipende molto dal cavaliere ma deve in ogni caso tener presente di queste accortezze.

Non deve sollevare le spalle e stare in posizione eretta e spostata leggermente verso la sua sinistra per non rimanere di fronte al cavaliere e facilitare così i passi. Il braccio destro è sollevato fino ad incontrare la mano del cavaliere che la sorregge in maniera delicata tra il pollice e l’indice.

Il braccio sinistro si appoggia sul braccio destro del cavaliere sotto la spalla, la mano rimane appoggiata e non ha una presa stretta ma sempre delicata.

IL TEMPO

Ogni ballo è basato su tempi specifici da seguire. Il tempo del ballo liscio è come quello per la Mazurka, 3/4. Ogni battuta quindi è fatta da tre passi. Nella mazurka si inizia con il cavaliere che porta avanti il piede destro e la dama, speculare a lui porta indietro il piede sinistro.  Un giro a destra, cambio destra e sinistra, un giro a sinistra, cambio da sinistra a destra, passo fermo sul posto, piroetta a destra, a sinistra, apertura e infine piroetta a destra passando dietro al cavaliere.

Questi erano i passi base e il tempo per la mazurka, gli altri balli invece hanno un tempo sempre 3/4 ma più veloce (valzer), la polca ha un tempo musicale di 2/4 e infine il tango, che può essere lento o veloce, ha un tempo musicale di 4/4.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *