Funghi: a Parma è tempo di raccolta

La raccolta a Parma di funghi è cominciata. Il bosco, il pratone sono braccati per la ricerca di questa prelibatezza che insaporisce ogni piatto.

In particolare tra le massime leccornie che si possono gustare a Parma, ci sono le specialità della Val Taro. Si tratta di una zona ben nota in tutta l’Italia per la produzione speciale dei suoi funghi porcini. Il prugnolo.

Il fungo prugnolo dei monti parmensi

Questo cosiddetto Prugnolo, è il fungo protagonista della stagione primaverile. Cresce soprattutto nell’Appennino parmense, e molto amato. Soprattutto dai pochi eletti, intenditori di funghi abili esperti.

Pare che, il fungo prugnolo (detto pure spinarolo, in particolare verso le zone di Compiano e Bedonia) è molto raro, per questo altamente ricercato. Non a caso sono pochi i luoghi in cui cresce, per pochi giorni all’anno, e non tutti conoscono il segreto. Pertanto solo abili esperti della zona sanno come trovarlo.

Cosa succede in caso di raccolta prematura di funghi

Basterebbe un solo anno di raccolta non fatta come si deve, ad esempio non rispettando il periodo stagionale, con i funghi ancora poco maturi e il sapore non sarebbe quello tipico del prugnolo. Medesima attenzione va fatta nel momento in cui viene cucinato.

Inoltre calpestare il terreno dove crescono in modo improprio, può portare all’infertilità della zona, e non crescerebbe più questo rarissimo ma gustoso fungo parmense.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *