Bonatti. Commessa da 416 mln € in Kazakistan

L’impresa Bonatti di Parma si è aggiudicata una commessa d mezzo miliardo di dollari in Kazakistan. La Tengizchevroil ha incaricato la Bonatti della costruzione di un nuovo sistema di idrocarburi nell’area Tengiz, sesto giacimento al mondo onshore, sfruttato già dal 1979, molto vicino alla costa nord-est del mar Caspio.

Il progetto, chiamato “Future Growth Project – Pipelines & Field Facilities (Area 51)”, ha un valore di circa mezzo miliardo dollari – circa 416 milioni di euro – e fa parte del piano di sviluppo dell’area Tengiz, in Kazakistan. La cerimonia per la firma del contratto si è svolta il 30 novembre ad Atyrau, ma solo ora la Bonatti ne ha dato comunicazione.

“Le attività necessarie all’esecuzione del progetto – dice il comunicato – saranno eseguite in condizioni particolarmente difficili, ovvero all’interno di un’area petrolifera operativa che imporrà un’elevatissimo numero di attraversamenti: saranno 3.800 le intersezioni da affrontare, tra condotte, cavi interrati, cavi areali, strade e aree Soe”.

Il lavoro di Bonatti comprenderà tutte le costruzioni e il pre-commissioning di circa 377 km di condotte di vari diametri che andranno a costituire poi il sistema di raccolta di idrocarburi prodotti dal giacimento e il sistema di iniezione gas ad alta pressione e le utilities per la distribuzione di acqua, gas e combustibile.

I Commenti sono chiusi.