Insetti e mozione della Lega Nord…

Cara Redazione,

Parma è una città curiosa, non differente da altre città italiane è ricca di abitanti singolari.

Aperta al mondo – le sue eccellenze lo dimostrano – ma come un ossimoro, fertile di personaggi la cui visione non arriva oltre alla lunghezza del proprio naso.

Non replicherò alla tristissima polemica della presenza in via Garibaldi della pubblicità di un noto produttore italiano di pomodoro, reo – suo malgrado – di non essere cittadino del feudo parmigiano ma la mozione proposta dai sovranisti della Lega Nord, questa si è davvero curiosa.

Circa la lungimiranza dei rappresentanti del carroccio, quelli delle padane tradizioni per intenderci – con ampolla del Dio Po in mano e le corna in testa, che lamentano del pacchetto di norme approvato nel novembre del 2015 dagli Stati dell’Unione circa il regolamento sul novel food, tocca davvero il ridicolo se vero non fosse.

Sì, stiamo parlando degli insetti che potranno essere prodotti o commercializzati per consumo umano.

Sfugge, ai ruspanti padani il dato demografico, sfugge in termini di fenomeno di immigrazione e sfugge il dato della sostenibilità ecologica.

Per chi insegue il populismo a buon mercato sfugge che nel 2050 saremo circa 12miliardi su questo pianeta, per lo più “neri” e “gialli” e tutti dovranno mangiare. Ma và?

La produzione intensiva di capi a reddito, per consumo di acqua e cereali, non sarà più sostenibile il pianeta ha risorse finite, forse non nella visione padana ma nel resto del pianeta è proprio così.

I nostri nonni non mangiavano insetti, tutto il resto del mondo – al netto dei sovranisti e dei cotechini – forse, non molto lontano nel tempo dovranno cibarsi di alternative alla produzione dei capi a reddito.

L’incapacità di allargare il quadro nel mondo leghista è la normalità, ma nel mondo normale quello che guarda alle cifre, agli studi e non alle pulsioni della pancia, forse proprio gli insetti diventeranno, al pari dello stoccafisso – scandinavo di origine – un cibo “tipico” della parmigianità.

Che si preoccupino i lungimiranti ed aperti consiglieri della Lega Nord, che a Parma, anche a Parma, possano nascere aziende che seguono il trend del mondo, diversamente ci troveremo a spendere ore in chiacchere a discutere di nuovi casi Fronero.

Insomma, Gesù e Sant’Ilario erano scuri di pelle, con naso acqulino al seguito, e nonostante l’iconografia dei secoli li abbiano dipinti più bianchi della neve anche gli insetti, tipici della cucina “indigena” potrebbero presto, essere sulle nostre tavole.

E questo, al netto della mozione della Lega Nord.

MarcoMaria Freddi

Radicale, Consigliere Comunale eletto nella lista Effetto Parma – Pizzarotti Sindaco

15 Commenti

  1. Il grillo parlante ha detto:

    Individui prodotti in laboratorio che mangeranno insetti. La seconda cosa mi piace poco, ma, come si dice: facciamo di necessità virtù. La prima decisamente mi mette in difficoltà perché, in quel caso, sono convinto sostenitore del metodo tradizionale. In ogni caso non mi preoccupo molto perché, fortunatamente, nel 2050 sarò già tornato polvere.

  2. Vercingetorige ha detto:

    Guardi , Sindaco Pizzarotti , che questo spara corbellerie a nome del suo Gruppo Consigliare ! Nel 2050 saremo in grado di produrre in laboratorio , con DNA artificiale , tutti i milioni di europei che vorremo , senza prenderci il disturbo di imbastire relazioni sentimentali tra un uomo e una donna , e senza aspettare che africani ed asiatici scopino ! Le sperimentazioni sono già in corso. Peraltro , nei mari e negli oceani , ci sono risorse alimentari sufficienti a sfamare tutta l’ Umanità . E’ probabile che l’ “homo sapiens” si autodistrugga. Gli strumenti dell’ autodistruzione potranno essere l’ energia nucleare e la genetica , ma , anche in questo , non ci sarebbe niente di nuovo. Altre specie hanno dominato il nostro pianeta prima di noi , e si sono estinte. Si pensa ci siano state almeno tre estinzioni di massa prima della comparsa dell’ “homo sapiens”.

  3. Vercingetorige ha detto:

    “Lancio” ANSA , 5 dicembre 2017 , ore 19,54 .CARNI SCADUTE IN RISTORANTE “PREMIATO” . Polizia municipale sequestra 60 kg in ristorante giapponese .
    Su un noto sito web di recensioni enogastronomiche, il ristorante, giapponese, aveva ottenuto ottime referenze, tanto da meritarsi quattro stelline di qualità, ma in cucina c’erano 60 chili di carne e pesce in cattivo stato di conservazione. Le merci sono state sequestrate, in un locale di corso Bramante, a Torino, dagli agenti della polizia municipale della sezione Centro, oggi durante un controllo.
    Pollo, vitello, salmone, involtini primavera erano racchiusi confezioni senza scadenza e senza indicazioni dell’origine della merce. Gli agenti hanno anche fatto una sanzione per la scarsa pulizia del locale.
    Delizie gastronomiche del signor Freddi ! Attenti se vi invita a cena !

    • Grillo sparlante ha detto:

      Mah, delizie gastronomiche del signor freddi questo lo ha detto lei e magari è stato a casa sua, di ristoranti magari stellati tipici che hanno prodotti come il ristorante giapponese scaduti e senza tracciabilità ne è piena anche la nostra provincia, chiediamoci però perchè non si fanno controlli in determinati posti. Ben vengano i controlli in modo da assicurare un giusto riconoscimento a chi lavora bene e ha prodotti di qualità, si anche alla pubblicazione dei sanzionati perchè la gente possa sapere e magari anche l’obbligo dovrebbe essere un cartello sulla saracinesca dove si spiegano i motivi della chiusura evitando di mettere il solito chiusdo per ferie.
      La difesa ad ogni costo della parmigianità a parma, del ristorante toscano a firenze, del radicchio a treviso è una gran cavolata, un pò ovunque ci sono ristoratori che non rispettano le norme alimentari anche se è un dato di fatto che quelli etnici siano la maggioranza. A Parma abbiamo almeno una decina di locali con condizioni igieniche che obbligherebbero alla chiusura per non parlare dei prodotti scaduti o senza tracciabilità, locali che almeno una volta l’anno si guadagnano articoli sul nostro quotidiano dei morti solo che noi invece di pretendere il rispetto delle regole e normative, li esaltiamo sapendo buona parte di ciò che accade

    • Vercingetorige ha detto:

      Neanche per sogno , “Grillo sparlante” ! L’ elogio della frittura di begattini l’ ha fatta Freddi , sicuramente non io !

    • Grillo sparlante ha detto:

      Questione di gusti e poi non capisco il nesso con il giapponese

    • Vercingetorige ha detto:

      Il “nesso con il giapponese” sta nel fato che le leccornie , come la frittura di begattini , che deliziano il signor Freddi , sono di provenienza africana ed asiatica.

  4. Daniele Ghirarduzzi ha detto:

    come spesso gli accade, al netto dell’innegabile padronanza linguistica, il sig. Freddi spara sentenze ed anatemi che fortunatamente non hanno nulla di vero, e rasentano un po’ il ridicolo.
    Di Cassandre che prevedono tempi bui nel 2050 (quanti anni avrà il sig. Freddi e tutti noi?) ne avremmo anche piene le tasche. Vi ricordate “1.000 e non più 1.000”? Nel Medio Evo (dove vorrebbe riportarci il sig. Freddi) avevano il terrore della certissima fine nel mondo. Nel 2.000 avremmo dovuto avere il “millenium bug”, cataclisma informatico annunciato e mai arrivato (il baco forse c’era, ma nella testa dei catastrofisti), nel 2012 si prevedeva la fine del mondo degli Aztechi, invece arrivò Monti, quella si che era una iattura, tuttavia il mondo è sopravvissuto anche a lui. Nel 2017 abbiamo il sig. Freddi, che basa le sue opinioni su dati assurdi o quanto meno… incerti. Se dovessimo fare figli come conigli, forse avrebbe quasi ragione, ma persino papa Francesco ha detto che un buon cattolico non deve proliferare senza limiti, perché non siamo bestie, figuriamoci la gente comune. Lascio volentieri quindi gli insetti nel desco del sig. Freddi, già molto vicino all’Africa per sua tendenza ideologica, ed io, come tanti, continuerò a mangiare il mio buon prosciutto di Parma. Quando nella ricetta dei cappelletti apparirà il sugo della carne d’insetto, spero di essere già morto. E non è una questione di bandiere, ma solo di buon gusto. Tanti auguri di buone Feste a tutti, compreso le Cassandre

    • Grillo sparlante ha detto:

      Eccolo li il grillino (o ex grillino? Non si capisce, chi ha ragione?) che per ideologia partitica (pardon movimento) ha sempre un occhio al futuro ma se a fare una considerazione sul futuro è un radicale, magari di effetto parma ovvero del movimento (pardon partito costola del pd) di pizzarotti, improvvisamente tutti c’è ne infischiamo del futuro….. Spero almeno se lo scelga buono il prosciutto di parma perchè ormai di prosciutto di parma degno di tal nome se ne trova poco in giro….

    • Vercingetorige ha detto:

      Pur volendolo considerare con la maggiore indulgenza possibile , non è facile trovare un messaggio che contenga tante coglionate come quello di Freddi. E non è il primo ! Come abbia fatto Federico Pizzarotti a rifilarcelo come Consigliere Comunale di “Effetto Parma” non si sa !

    • Grillo sparlante ha detto:

      Si trovano, sono quelle di ghirarduzzi, ad esempio qualcuno ha mai parlato di cappelleti al sugo di carne di insetto? per me queste leggi sono cavolate ma non è un mio problema, se qualcuno vuol mangiare gli insetti faccia pure, sono gusti e io continuerò a mangiarmi i miei cappelletti

    • Vercingetorige ha detto:

      Certo che ognuno è libero di mangiare quel che vuole , purché non pretenda di dar lezioni a quelli che , la frittura di begattini , non l’ apprezzano.

    • Grillo sparlante ha detto:

      Ma infatti è giusto, anche la lega però dovrebbe fare altrettanto e non aprire bocca solo per fare continua propaganda elettorale perchè tutto abbiamo bisogno in italia fuorchè il becero populismo di lega e similari…. Si parla e si parla, si mettono in croce tutti, si dimentica però che ciò che si critica in un comune da opposizione è esattamente ciò che fa un comune governato da loro, si dimentica di essere stati al governo e di non aver fatto nulla o peggio di aver fatto leggi che ora si contestano. Poche balle anche se non c’entrano con l’articolo, negli ultimi 20 i governi che hanno attuato le scelte peggiori per vari settori sicurezza compresa sono stati i due, con lo stesso premier, tra il 2001 e il 2006, quello tra il 2008 e il 2011 e quello recente di renzi con leggi che hanno indebolito certezze costruite nel dopoguerra, non hanno vigilato sull’entrata dell’euro, hanno provocato milioni di euro di multa comminati dall’unione europea per le truffe delle quote latte, hanno indebolito le certezze sul lavoro, hanno demolito la giustizia che ora tutela i delinquenti invece delle vittime. In questi governi la lega era al potere per 8 anni, Nel 2011 monti, che non ha assolutamente la mia stima, è stato chiamato a fare il lavoro sporco per conto di altri, gli sono state attribuite leggi che il realtà ha fatto l’esecutivo con la lega al governo (ci sono le date, basterebbe un pò di buon senso, basterelle leggerle e confrontarle).

    • Vercingetorige ha detto:

      Quel che lei dice è tutto vero , ma Daniele Ghirarduzzi non è della Lega . Lui si proclama “grillino” , con la benedizione telefonica di Grillo . I “grillini” del “Ducato” lo ripudiano. La Patrissia spara qualche “boia chi molla” sull’ apposita mordacchia brianzo-veneta , ma , su Ghirarduzzi , non si pronuncia, anche perché , alle ultime Elezioni Comunali , stava con lui. Se la sua è un’ uscita propagandistica , quella del Freddi non è da meno.

    • Grillo sparlante ha detto:

      Appunto, sono tutte e due uscite propagandistiche ma occorre fare una precisazione, i temi toccati da Freddi sono anche se con termini diversi, gli stessi toccati dal movimento, assurdo che ghirarduzzi (che questa volta non si è firmato come portavoce del movimento a parma….) in questo caso critichi una persona che ha detto le stesse cose di altri grillini, semplicemente perchè a dirlo è stato un radicale eletto in una lista di un epurato grillino…. Fortuna che il ghirarduzzi non è in consiglio, tutta l’opposizione fa rimpiangere i vari iotti o dall’olio (quello della telecamera che multa senza passare sotto il varco), tra scarpa che continua con senso di superiorità a criticare i parmigiani rei di non averlo votato, il consigliere di parma unita che comunica senza sapere e la lega che oggi ha presentato importanti mozioni in consiglio comunale come il divieto dei simboli comunisti o le condizioni autonome regionale, la roberti che interroga su problematiche inerenti stade provinciali… boh

I commenti per questo articolo sono chiusi.