Torneria Ronconi fallita. Lascia 1,6 mln di tasse non pagate

Non poteva finire in modo peggiore la storia della Torneria Ronconi, storica impresa parmigiana del settore metalmeccanico: è fallita lasciando un buco enorme di tasse e contributi non pagati e i soci si sono resi irreperibili. Così afferma la sentenza del Tribunale di Parma che questa settimana ha accolto i ricorsi di ex dipendenti e fornitori e messo fine alla storia dell’azienda.

La Ronconi srl era già stata chiusa e messa in liquidazione lo scorso febbraio, affidata ad un liquidatore di Asiago, Fortunato Rossi, e ad agosto le era stato pure cambiato nome in MM srl. Peccato che in questa operazione di affrettata chiusura nessuno abbia pensato ai debiti non pagati.

La Ronconi era nata nel 1970 come laboratorio artigianale con macchinari tradizionali. Nel 1997 c’era stato il saldo: il laboratorio era diventato una media industria, con sede allo Spip, un passaggio che aveva richiesto forti investimenti in macchinari e la ricerca di nuovi mercati. Nel 2004, i fondatori della società hanno lasciato tutto in mano ai figli, ma visti gli esiti, la seconda generazione non è stata all’altezza della prima.

L’ultimo esercizio – il 2016 – si era chiuso con 239mila euro di perdite, che sommate ad oltre 90mila euro di perdite pregresse hanno portato il patrimonio sociale in negativo per 170mila euro. A chiedere il fallimento della società, però, non sono stati i soci, ma un operaio non pagato dopo un passaggio davanti al Giudice del lavoro e un fornitore. I loro crediti sono di poco conto (circa 25mila euro in tutto), ma il Tribunale ha scoperto che c’è anche un mucchio di tasse non pagate: l’Agenzia delle entrate reclama ben 1.606.658 euro.

Il Tribunale ha anche cercato un contatto con i proprietari della MM srl, ma agli atti risulta “l’irreperibilità della sede legale e dei soci illimitatamente responsabili”.

La gestione del fallimento è stata affidata al commercialista Domenico Mattace, che produrrà un conto esatto della situazione finanziaria il 14 febbraio 2018.

I Commenti sono chiusi.