Sei iscritto a Coldiretti? Latte pagato di più. Confagricoltura e Cia rompono trattative

Si è bruscamente interrotta la trattativa sulla definizione del nuovo Protocollo d’intesa per la determinazione del prezzo del latte ad uso industriale nella provincia di Parma tra rappresentanti delle organizzazioni agricole, da una parte, ed industriali ed artigiani trasformatori, dall’altra.

Confagricoltura Parma e Cia-Confederazione italiana agricoltori di Parma con una lettera congiunta hanno invitato le associazioni industriali a mantenere aperte le trattative, in quanto fortemente interessate a proseguire un dialogo costruttivo con i trasformatori del latte del Parmense.

L’interruzione della trattativa sul Protocollo ha portato alla determinazione di due prezzi del latte con riferimento al secondo quadrimestre 2016 nella provincia di Parma: uno a quota 56,848 euro il quintale tra Confagricoltura e Cia di Parma ed industriali ed artigiani trasformatori ed uno a quota 57,50 euro il quintale tra gli stessi industriali ed artigiani trasformatori e Coldiretti Parma, l’unica delle tre associazioni che ha accettato di sottoscrivere il nuovo Protocollo d’intesa, fortemente penalizzante per la parte agricola.

Riteniamo sconveniente il fatto che sia stato individuato un importo diversificato, in base all’associazione di appartenenza, aspetto non previsto dal precedente Protocollo ancora valido per la determinazione del prezzo del latte di tutto il 2016 e fatto mai accaduto in passato quando, pur nell’ambito di trattative sempre molto serrate, si è sempre agito in piena correttezza su tutti i fronti, operando secondo un produttivo spirito di squadra nell’interesse di tutto il comparto lattiero-caseario parmense.

È doveroso far rilevare che la parte che ha sottoscritto il protocollo rappresenta meno di un terzo della produzione di latte a livello provinciale, sia in termini di numero assoluto di aziende conferenti, sia in termini di quantitativi di latte prodotto.

Qualora su tre associazioni ben due non sottoscrivessero il Protocollo, ci si troverebbe di fronte ad un mero contratto tra un’associazione ed un’altra, non certo ad un condiviso protocollo d’intesa tra gli attori dell’intero comparto.

Le motivazioni che fino ad ora non hanno permesso a Confagricoltura e Cia di Parma di sottoscrivere il protocollo sono:

  • l’inaccettabile istituzione di una nuova Commissione latte al di fuori della Camera di Commercio di Parma, richiesta da industriali e artigiani trasformatori;
  • la resa utilizzata nel calcolo del prezzo che appare oggi antistorica rispetto alla realtà dei fatti;
  • i costi di produzione che non appaiono realistici rispetto al contesto economico e produttivo attuale;
  • la mancanza di certezza negli strumenti di applicazione del protocollo con conseguente indeterminazione dei tempi di pagamento.

Confagricoltura Parma e Cia-Confederazione italiana agricoltori di Parma

2 Commenti

  1. Grillo sparlante ha detto:

    Notare il pessimo articolo sul giornale dei morti di questa mattina, titolo che celebra l’accordo in pompa magna, sottotitolo e sopratitolo tutti a favore, solo un velato accenno del contratto firmato senza l’unanimità alla fine del sopratitolo. Nell’articolo poi spazio a tutte le parti in causa, chiaramente maggiore a chi rappresenta la minoranza dei produttori e tante mancanze….. Non l’avrei mai detto del giornale dei morti e degli industriali di parma…. Continuate così nella vostra caduta libera….

  2. CELESTINO ha detto:

    LA COLDIRETTI , LA VERGOGNA D’ITALIA CAMPA CON
    LE TASSE DEGLI ITALIANI ( UNA % VA’ NELLE SUE CASSE IN PROFONDO ROSSO) CHE SPUTTANA A DESTRA E SINISTRA .
    USA LER BANDIERE PER FARSI NOTARE PERCHE’ NON
    CONTANO UN C…… E HA INDEBITATO TUTTI I SOCI CON AGRIFIDI. L’IMPORTANTE E’ FARSI NOTARE A CON LO SCOPO DI FARE ENTRARE LO SCHIFO DALL’ESTERO. SONO I ” COLTIVATORI DIRITTI “

I commenti per questo articolo sono chiusi.