Due secoli raccontati in oggetti e documenti. Fondo Bielli donati all’Archivio comunale

E’ stato donato all’Archivio storico comunale di Parma il “Fondo Edoardo Bielli”, una originale collezione che raccoglie materiale eterogeneo dalla metà del 1800 fino al 2000, cioé dalle guerre d’indipendenza ai giorni nostri, accostando documenti storici a testimonianze di costume dell’Ottocento e del Novecento.

Edoardo Bielli, laureato in lettere moderne, è stato un insegnante e poi bancario, ma soprattutto uomo di grande cultura e collezionista. ha messo insieme un gran numero di documenti rari, che si affiancano a testimonianze della vita di tutti i giorni in un excursus temporale veramente ampio: riviste d’epoca, manoscritti, cartoline, fotografie, opuscoli… Alcuni pezzi destano curiosità come “L’Almanacco di Minerva” dell’anno 1829, il ventaglio con ritratti dei potenti dell’Europa dei primi del Novecento o le guide turistiche turistiche verso le Colonie italiane.

La famiglia di Bielli ha scelto, con grande lungimiranza e amore per la città, di non disperdere e svendere la raccolta di esemplari, anche unici, archiviati con cura dal Bielli, ma di donarla all’archivio storico affinché possa diventare patrimonio comune. La collezione è stata pure completamente digitalizzata prima della donazione da Carlo Montal.

La precisa e puntuale catalogazione in ordine cronologico e didascalico ne consente un uso formativo e didattico e permette così di ricordare Edoardo Bielli, che nei suoi anni di insegnamento cercava di avvicinare le nuove generazioni alla Storia. L’Archivio Storico farà tesoro della donazione e potrà così organizzare laboratori didattici per le scuole: i ragazzi troveranno sicuramente stimoli e occasioni per affrontare lo studio dei vari periodi storici, affiancando alle semplici nozioni anche materiali che meglio permettono di comprendere gli eventi culturali del momento o la vita quotidiana.

Per far conoscere alla città il “Fondo Edoardo Bielli”, l’Archivio Storico Comunale ha oragnizzato una mostra, presentata oggi dal sindaco Federico Pizzarotti, da Enrica Caffarra, responsabile del Servizio Archivi e Protocollo, dalla signora Alessandra Bielli, sorella di Edoardo e da Roberto Spocci segretario della sezione di Parma dell’Istituto del Risorgimento. La mostra rimarrà aperta sino al 14 aprile negli orari di apertura della sala studio dell’Archivio Storico Comunale di Via La Spezia 46/a ( per informazioni 0521/031034 oppure archivio.storico@comune.parma.it).

“Siamo onorati di presentare alla città – ha spiegato Enrica Caffarra, responsabile del Servizio Archivi e Protocollo del Comune – il Fondo Edoardo Bielli che la sorella Alessandra ha deciso di mettere a disposizione della città. Si tratta di una collezione integra che va dalla metà del 1800 fino al 2000 e costituisce un patrimonio molto importante per ricercatori ed anche da un punto di vista delle didattica per le scuole”.

Il sindaco, Federico Pizzarotti, ha espresso gratitudine nei confronti di ha deciso l’importante donazione. “Sono qui per ringraziare la famiglia che ha donato al Comune il Fondo Edoardo Bielli. Si tratta di un fatto straordinario per i tempi in cui viviamo. E’ un atto di fiducia verso le istituzioni che tutelano questi beni, è una segno di attenzione alla città ed ai cittadini”.

Alessandra Bielli, sorella di Edorardo Bielli, ha ricordato come il tema dello studio della storia e dell’indagine storica siano sempre stati presenti nel fratello, nato sotto i bombardamenti a Pisa nel 1944. “Era affascinato dalle storie che gli raccontavano il nonno, reduce della I Guerra Mondiale, e lo zio, reduce della II Guerra Mondiale. Si laureò in lettere a Bologna e per qualche tempo insegnò, per poi entrare in banca. Era un uomo curioso, poliedrico che si interessava di storia, di poesia, di letteratura e di disegno. Durante la sua maturità si risveglio l’interesse mai sopito per la storia e così diede vita a questa collezione che è una raccolta esaustiva del periodo che va da metà del 1800 fino agli anni Duemila. La collezione contiene documenti storici e rari ed è molto adatta per insegnare ai bambini. Mio fratello è scomparso nel 2016 e mio marito ed io abbiamo deciso di donare questa raccolta alla città di Parma perché non vada dispersa e sia utile per le ricerche storiche e per la didattica. Ringrazio Carlo Montali e Don Umberto Cocconi e l’Archivio Storico Comunale.

Roberto Spocci, segretario della sezione di Parma dell’Istituto del Risorgimento, ha illustrato le bacheche in cui sono stati esposti alcuni esempi estrapolati dal Fondo Edoardo Bielli che “danno colore e restituiscono spessore alla storia anche grazie a piccoli oggetti”.

I Commenti sono chiusi.