Agricoltura. Meno burocrazia per il carburante senza accise. Coldiretti plaude

Trattore Lamborghini

Un taglio agli eccessi di burocrazia che favorirà il lavoro con i trattori per oltre 60mila imprese agricole dell’Emilia-Romagna: la Regione ha deciso di semplificare le procedure per ottenere il carburante agricolo, affidando ai Centri autorizzati di Assistenza Agricola (Caa) la pratica per l’assegnazione del carburante, riducendo i tempi di attesa anche di trenta giorni. Il 50% del carburante agricolo di cui ogni azienda ha diritto può essere assegnato immediatamente semplicemente rivolgendosi al Caa, mentre per il restante 50% dovrà essere presentata domanda entro il 10 ottobre. Si riducono dunque i tempi anche fino ad un mese e l’impresa agricola può ottenere la metà dell’assegnazione in tempi rapidi, senza dover sottostare a procedimenti e a passaggi di carte, ma semplicemente basandosi sui dati aziendali in possesso del Centro autorizzato di Assistenza Agricola.

La decisione è arrivata dopo la manifestazione della scorsa estate, quando Coldiretti Emilia-Romagna portò davanti alla sede della Regione migliaia di agricoltori proprio per denunciare le “insostenibili pastoie burocratiche che portano via 100 giorni all’anno di lavoro ad ogni impresa agricola per compilare e firmare scartoffie inutili, qualcosa”, denunciava Coldiretti regionale.

“Si tratta – afferma Mauro Tonello, il presidente di Coldiretti Emilia Romagna – di un altro importante passo in avanti dopo il silenzio-assenso del settore vitivinicolo, che semplifica e sburocratizza i rapporti tra imprese agricole e pubblica amministrazione. Le nostre imprese potranno contare sul Caa di Coldiretti, con tempi certi e inferiori rispetto a quelli attuali. In questo modo si dà un importante sostegno all’economia e al reddito delle aziende perché si riduce il tempo che un imprenditore deve perdere per risolvere problemi burocratici”.

Lascia un commento