Mamma e figlia parmigiane al rave abusivo. Denunciate con altri 600

Anche una mamma di 48 anni e la figlia 20enne di Parma erano tra le 600 persone, provenienti da tutt’Italia e dall’estero, che la notte del 22 gennaio si ritrovarono in un capannone industriale di Reggiolo per un rave party non autorizzato. Sono 586 persone (46 minori) quelle che i carabinieri di Guastalla hanno denunciato per invasione di terreni ed edifici, danneggiamento aggravato, deturpamento e imbrattamento di cose altrui e per aver organizzato e partecipato ad una manifestazione danzante non autorizzata.

Sequestrati tre automezzi e attrezzatura musicale (mixer, casse amplificate, subwoofer, microfoni) per un controvalore di 500.000 euro, utilizzata dagli organizzatori, perlopiù francesi, per dare vita al rave. Durante il servizio i militari individuarono anche una minorenne della provincia di Asti, di cui i genitori giorni prima avevano denunciato la scomparsa. Per alcune centinaia di giovani con precedenti penali e di polizia è al vaglio la posizione per il foglio di via obbligatorio.

I Commenti sono chiusi.